PROVA YOME A PARTIRE DA 0,60 € AL GIORNO

Pensavo fosse depressione invece era … disturbo disforico premestruale! 

<strong>Pensavo fosse depressione invece era … disturbo disforico premestruale! </strong>
Avatar author
Yome Team

del 27/05/2022

Se ti senti depressǝ, irritabile e non hai voglia di fare nulla potrebbe essere il disturbo disforico  premestruale (che NON coincide con la sindrome premestruale!)  

Durante la settimana che precede il ciclo mestruale, il corpo inizia a subire dei cambiamenti: seno gonfio,  dolori, stanchezza. Improvvisamente, il male di vivere si impossessa del nostro corpo senza sapere perché.  Spesso iniziamo ad avere sbalzi d’umore, piangiamo senza motivo, odiamo il genere umano, svuotiamo  barattoli di Nutella e siamo molto più stressatǝ. Tutti sintomi che, quando iniziano le mestruazioni,  scompaiono magicamente…per poi ricomparire il mese successivo, nello stesso periodo.  

Per alcune persone questo arco temporale rappresenta una vera e propria tragedia (anche se provvisoria),  perché la sintomatologia compromette la vita sociale, il lavoro, le relazioni interpersonali. Stiamo parlando  di coloro che soffrono del disturbo disforico premestruale (PMDD), una sindrome tanto sconosciuta quanto  diffusa. 

Ma scopriamo insieme: cos’è il disturbo disforico premestruale?

Secondo il DSM V, affinché possa essere  definito PMDD, i sintomi devono essere presenti nella settimana precedente le mestruazioni, iniziare a  migliorare con l’insorgenza delle mestruazioni e ridursi al minimo o scomparire del tutto nella settimana  post mestruazioni.
Inoltre, devono essere presenti nella maggior parte dei cicli mestruali durante l’ultimo  anno e devono incidere negativamente sul funzionamento lavorativo e sociale.
Dunque, in quel periodo  potresti notare uno o più sintomi di quelli elencati qui sotto: 

– umore depresso, sentimenti di disperazione o pensieri autosvalutativi; 

– ansia e tensione; 

– sentimenti di irritabilità, rabbia o insorgenza dell’aumento dei conflitti interpersonali; – labilità affettiva marcata (es. sbalzi d’umore o pianto improvviso). 

Oltre a questi sintomi, per giungere alla diagnosi di disturbo disforico premestruale, è necessario che siano  compresenti anche uno o più dei successivi sintomi (in modo da raggiungere il totale di cinque sintomi,  sommando i primi ai seguenti):

– ipersonnia o insonnia;  

– variazione notevole dell’appetito (consumo eccessivo di cibo o voglie di cibo specifico); – difficoltà di concentrazione, aumento di letargia, incisiva mancanza di energie; – sintomi fisici come: tensione mammaria o gonfiore, dolori articolari o muscolari, sensazione di  “gonfiore” o aumento di peso; 

– minore interesse rispetto alle attività abituali. 

I sintomi possono essere comparati (non per durata) a quelli di altri disturbi, come ad esempio l’episodio  depressivo maggiore o il disturbo d’ansia generalizzata. Per diagnosticare il PMDD, è necessario effettuare  diverse valutazioni prospettiche quotidiane per almeno due cicli sintomatici. Se i sintomi non vengono  confermati dalle valutazioni, deve essere annotato “provvisorio” dopo il nome della diagnosi (ossia,  “disturbo disforico premestruale, provvisorio”).  

Ma quali sono le origini di questo disturbo?

L’eziologia del disturbo disforico premestruale è ancora  oggetto di ricerca tutt’oggi. Non è stato ancora possibile dimostrare che sia presente uno squilibrio  ormonale nelle donne affette da questo disturbo. Difatti, i livelli ormonali di una donna affetta da PMDD e  una donna non affetta da quest’ultimo sono indistinguibili.  

Hanno ipotizzato, però, che le donne con PMDD siano più sensibili alle fluttuazioni ormonali, come gli  estrogeni e il progesterone, ormoni che attivano eventi biochimici nel sistema nervoso alla base dei sintomi  premestruali. Per giunta, si è ipotizzato che forse vi sia anche una componente ereditaria, dal momento che i sintomi premestruali hanno una stima di ereditabilità che oscilla tra il 30% e l’80%. 

Il disturbo disforico premestruale può coesistere con altri disturbi? 

Gli individui affetti da disturbo  disforico premestruale riferiscono frequentemente di aver attraversato in passato un episodio depressivo  maggiore. Diversi disturbi medici (per es., emicrania, asma, allergie, disturbi convulsivi) o disturbi mentali  (come i disturbi depressivi o bipolari, disturbi d’ansia, bulimia nervosa, disturbi da uso di sostanze) possono  subire un peggioramento durante la fase premestruale. Il disturbo disforico premestruale, però, non deve  essere considerato solo la causa del peggioramento di altri disturbi, ma deve essere rilevato separatamente.
In quest’ultimo caso, è possibile considerarlo come un disturbo a parte, qualora i sintomi  del disturbo disforico premestruale si differenzino totalmente dalla sintomatologia del disturbo  coesistente. 

In cosa si differenzia dalla sindrome premestruale?

Sebbene anche la sindrome premestruale possa presentarsi in forma grave (infatti viene suddivisa in lieve, moderata e grave), si tratta di sintomi più che  altro fisici. Nella sindrome premestruale non è richiesto un minimo di cinque sintomi e non sempre sono  compresi sintomi affettivi (come umore depresso, perdita d’interesse nelle normali attività della vita  quotidiana, ecc.).
Infine, si parla di disturbo disforico premestruale quando i sintomi si fanno talmente  rilevanti da compromettere la vita di tutti giorni e le relazioni familiari o sociali.  

C’è una cura per il disturbo disforico premestruale?

Il disturbo disforico premestruale scompare con  l’insorgere della menopausa e non compare durante la fase antecedente il menarca e la gravidanza, poiché  sono periodi nei quali l’attività ovarica è sospesa. Tuttavia, per fronteggiare i sintomi durante il periodo  fertile, un aspetto da non trascurare è la consapevolezza del proprio quadro clinico.  Una volta conosciuta a fondo la propria condizione, l’individuo riesce ad affrontare il periodo premestruale  con più tranquillità e riesce a gestire meglio i sintomi.
L’utilizzo di un calendario o di un diario può aiutare la  persona a registrare la natura e l’intensità dei sintomi. Nello specifico, questi strumenti risulteranno utili a  medici e psicologi ai fini della diagnosi di PMDD, i quali aiuteranno ad individuare il trattamento più adeguato.  

La psicoterapia svolge un ruolo fondamentale in caso di una sintomatologia premestruale che non ha  registrato benefici con altri trattamenti. La sintomatologia spesso può avere cause psicologiche,  specialmente se vi è, alle spalle, un vissuto conflittuale nei confronti delle mestruazioni.
In particolare, la  terapia cognitivo-comportamentale si è rivelata particolarmente efficace se rapportata a questa tipologia di  disturbo. 

La terapia farmacologica del disturbo disforico premestruale.

Quando la sola psicoterapia non basta,  possono essere prescritti dei farmaci. I farmaci di prima scelta sono gli inibitori selettivi della ricapitazione della serotonina (SSRI), che fanno parte di una categoria di antidepressivi. A differenza dei trattamenti per i  disturbi depressivi, gli SSRI non devono essere assunti quotidianamente ma possono essere assunti solo  nella fase luteale o durante i sintomi più marcati del disturbo disforico premestruale. Questo perché coloro  che rispondono bene agli SSRI trovano beneficio dopo 1-2 giorni dall’insorgere dei sintomi. 
La somministrazione durante la fase luteale può iniziare 14 giorni prima delle mestruazioni e  successivamente può essere interrotta dopo l’inizio del ciclo. Le persone che assumono SSRI nel  trattamento del disturbo disforico premestruale generalmente riportano una riduzione del 50% dei sintomi,  un miglioramento significativo rispetto al gruppo trattato con placebo. I farmaci aiutano a correggere i  sintomi psichici, ma non sempre risultano efficaci nella sintomatologia fisica: per questo, la scelta del  farmaco deve essere valutata scrupolosamente dallo specialista in modo da calcolare rischi e benefici prima  dell’inizio del trattamento.  

Vi lasciamo con un appello: se notate l’insorgere di questo genere di sintomi, recatevi da unǝ specialistǝ che non sottovaluti questo genere di esperienza perché la consapevolezza intorno ad essa è ancora troppo  bassa. Non sei sbagliatǝ, potrebbe trattarsi di una sindrome seria ancora interessata da pochi studi.  

ANTONELLA PATALANO

Entra in Yome, scopri la dimensione del tuo benessere.
+20 NUOVE LEZIONI & LIVE A SETTIMANA

Entra in Yome, scopri la dimensione del tuo benessere.

Qualunque sia il tuo obiettivo, siamo qui per raggiungerlo insieme. Accedi a centinaia di lezioni, h24 e senza limiti.

Entra ora in yome

Iscriviti alla nostra newsletter!

Aggiornamenti sul benessere direttamente nella tua inbox. Nessuno spam, solo ottime news per passare del tempo di qualità.